Truffa della rivoluzione Bitcoin esposta dalla SEC

La Securities and Exchange Commission (SEC) delle Filippine ha recentemente messo in guardia il pubblico su una nota truffa bitcoin nota come Bitcoin Revolution. Il suo consulente ha dichiarato che la sua sollecitazione di investimenti nelle Filippine non è autorizzata.

Le false promesse della Rivoluzione Bitcoin

Bitcoin Revolution è stata introdotta ai filippini attraverso pubblicità provenienti da siti web criptati apparentemente affidabili. Queste pubblicità affermano che Bitcoin Revolution è un’applicazione commerciale rivoluzionaria che è stata approvata dall’ex senatore filippino Manny Villar e dal miliardario Richard Branson. Tuttavia, tutte le affermazioni di queste pubblicità non sono vere.

Inoltre, Bitcoin Revolution è stata pubblicizzata come un efficace „software di trading automatizzato che è stato progettato per il trading dei mercati bitcoin e criptovaluta“. Promette inoltre ai suoi investitori filippini che possono guadagnare fino a 1.000 dollari al giorno anche se hanno solo un investimento iniziale di almeno 250 dollari. Il suo sito web ha anche menzionato come Bitcoin Revolution può facilmente far sì che chiunque riesca ad avere successo nel commercio di bitcoin per circa l’85% al 95% del tempo.

Un’altra bandiera rossa è la sua affermazione che può rendere milionari i suoi utenti in 61 giorni. Altre caratteristiche che sostiene di avere sono la funzione di backstaging, il trading di auto dal vivo e il trading demo.

Per far sembrare che sia un business legale nelle Filippine, permette ai suoi utenti di pagare attraverso le popolari carte di debito e di credito. Offre anche il supporto di chat dal vivo nel tentativo di dimostrare che è una società in grado di fornire un ottimo servizio ai clienti.

Vendita non autorizzata di titoli

Il 30 marzo 2020 la SEC ha rivelato che la Bitcoin Revolution offre titoli non registrati sotto forma di contratti di investimento.

La sezione 8 del Securities Regulation Code (CRS) richiede che tutte le offerte e le vendite di titoli siano registrate e approvate prima dalla SEC. La società interessata o i suoi agenti devono anche avere un’adeguata licenza per la vendita di tali titoli.

La SEC ha anche dato un avvertimento:

„Coloro che agiscono in qualità di venditori, broker, commercianti o agenti della Bitcoin Revolution per vendere o convincere le persone a investire nel programma d’investimento offerto da queste entità, comprese le sollecitazioni e il reclutamento tramite Internet, possono essere perseguiti e ritenuti penalmente responsabili ai sensi dell’art. 28 del CRS e puniti con una multa massima di cinque milioni di pesos (P5’000’000.00) o con una pena detentiva di ventuno (21) anni di reclusione o entrambe ai sensi dell’art. 73 del CRS“.

Ha anche ricordato agli investitori filippini di essere molto attenti quando si investe nel mercato altamente volatile delle attività digitali.

Oltre a confermare che la Bitcoin Revolution non ha la licenza per vendere titoli, la SEC ha anche rivelato che la Bitcoin Revolution non è registrata come corporazione nelle Filippine, non ha una licenza secondaria per ottenere investimenti dai filippini e non ha ricevuto un cambio di valuta virtuale dalla Bangko Sentral ng Pilipinas (BSP).